Please assign a menu to the primary menu location under menu

Recent Posts

Recent Comments

    Archives

    Categories

    Meta

    La critica

    Canzoncina di Edipo

    Paolo Missigoi

    CANZONCINA DI EDIPO
    (Divino paradosso: un enigna per la Sfinge…)
    “… LA GIOIA NEL VUOTO MI PRENDE
    L’ESTASI COME IL FUOCO RISPLENDE
    SOLE DI NOTTE IN TEMPESTA …
    OH VUOTO! RIPRENDITI LA MIA TESTA…”

    Come acqua nell’acqua, così il nuovo Edipo è tutt’uno con l’Enigma. E’ l’Enigma stesso. Pone alla Sfinge un quesito che la lascerà come un corpo morto in un fosso e dopo averlo cantato riderà senza tremare, perchè non è un Saggio ma un santo, forse…
    Come un obelisco puntato verso il BASSO — la sua lancia ha due punte — verso il RISCHIO, IL FUOCO, IL MIRACOLO, LO SCANDALO, questa nuova ESTASI supera l’ESTETICA nell’ ETICA, è trasparente nell’identità profonda di forma e mito:
    di fronte a concetti come avanguardia/salvaguardia: ritorno all’ordine oppone il suo essere classico in cui la trasparenza è una CONDIZIONE non una scelta, condizione in cui la forma non si differenzia dal contenuto metafisico (IPERFISICO).
    L’ACCESSO E’ L’ECCESSO, RITORNO AL DISORDINE:
    gli “artisti”, si sa, sono quello che sono:
    con una mano si coprono gli occhi per non vedere l’orrore, con l’altra lo DIPINGONO, lo ABBELLISCONO, al sicuro,
    rassicurati e rassicuranti, protetti dalla “penombra poetica”
    E FINALMENTE CI SI 1MPICCHERA’, LA POESIA, CON I SUOI SETTE METRI DI INTESTINO …

    Paolo Missigoi

    Lascia un commento